Politica & Economia

Cedric Villani, chi è il genio matematico di Macron che sfida Silicon Valley

A giudicare dal look - abiti da dandy, cravatte Lavallière in seta e orologio nel taschino del panciotto – sembra più un artista ottocentesco uscito da un romanzo di Oscar Wilde che un matematico.

Invece Cedric Villani è l'uomo a cui Emmanuel Macron ha affidato la strategia francese in materia di intelligenza artificiale, con la quale il presidente vuole colmare il gap della Francia nei confronti di Stati Uniti e Cina.

Quarantaquattro anni, di origini parzialmente italiane (il nonno apparteneva a una famiglia di napoletani emigrati in Algeria), Villani è una delle menti matematiche più apprezzate, non solo in Francia. Dopo gli studi alla Scuola Normale Superiore, ha intrapreso una brillante e rapida carriera universitaria, diventando nel 2009 direttore del prestigioso istituto di ricerca parigino Henri-Poincaré; nel 2010, è stato insignito della medaglia Fields, una sorta di Nobel per i matematici. Nel 2017 è stato eletto deputato con La Republique En Marche, il partito di Macron, con l’obiettivo di rafforzare i legami tra scienza e politica e di fare della Francia un luogo dove matematici e ricercatori, spesso reclutati da multinazionali americane e asiatiche, possano sentirsi a casa. Non è un caso, forse, che sia stato eletto nel dipartimento dell’Essonne, dove il polo scientifico di Saclay punta a diventare la Silicon Valley francese.

Sposato con una biologa, due figli, ha fornito lui stesso una spiegazione del suo look stravagante (che abbandona solo per andare a dormire) in un’intervista al Telegraph di qualche tempo fa: «Ho iniziato a vestirmi così – ha spiegato - per fare un esperimento, quando ero presidente di un sindacato di studenti universitari e ora lo faccio sempre, anche quando sono in casa. La gente pensa spesso che sia un poeta o un musicista: è un bel modo di iniziare una conversazione».

Di Villani i suoi collaboratori dicono che è un uomo multitasking, capace di scrivere con una mano e digitare sul pc con l’altra, mentre continua a parlare al telefono. Il docente italiano Giuseppe Toscani, che ha collaborato con lui all’Università di Pavia, ricorda la sua straordinaria capacità di sintetizzare qualunque concetto. «È il migliore in tutto quello che fa», ha dichiarato a Bloomberg.

Dopo aver visitato con Macron la Cina a gennaio, andrà negli Stati Uniti con il presidente il mese prossimo. Con la sua cravatta Lavallière, il panciotto e un altro immancabile accessorio: una spilla a forma di ragno. Pare che ne possieda una trentina e non ha mai voluto rivelare perché ne indossi sempre una. Si sa soltanto – ma potrebbe essere solo una coincidenza – che tra i suoi fumetti preferiti c’è la serie Amazing Fantasy della Marvel, che ha tra i suoi indiscussi protagonisti l’Uomo Ragno. Con la sua continua ascesa e la crescente notorietà, Villani inizia a somigliargli. E ormai vive sulla sua pelle il celebre motto di Spiderman: da grandi poteri derivano grandi responsabilità.

 


 

FONTE: https://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-03-29/genio-e-look-chi-e-cedric-villani-matematico-macron-che-sfida-silicon-valley--153803.shtml?uuid=AEZbzxPE

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
©2019 RipetizioniCorsi.it All Rights Reserved. ALESSIO LEONCAVALLO: VIA DELLE MURETTA 34, 00040 ROCCA DI PAPA (RM) P.IVA 13624251008

Search