Politica & Economia

Il dado Knorr abbandona l’Italia: Unilever punta sul Portogallo

Il dado Knorr, il preparato per fare il brodo e insaporire le pietanze usato per decenni da milioni di famiglie italiane, si lascia alle spalle l’Italia.

Unilever, la multinazionale olandese-britannica dal 2000 proprietaria dello storico brand, ha deciso di cessare la produzione dei classici dadi “dry” nello stabilimento di Sanguinetto, in provincia di Verona per delocalizzare in Portogallo dove il costo del lavoro è inferiore. Cisl, Cgil e Uil hanno immediatamente proclamato lo stato di agitazione convocando assemblee per decidere le azioni da intraprendere. La decisione è arrivata come un fulmine a ciel sereno considerando che a maggio erano previsti incontri per discutere il rinnovo dell’integrativo. Per il prossimo 5 giugno è fissato un primo incontro tra l’azienda e rappresentanze sindacali.

La multinazionale ha così avviato la procedura di licenziamento collettivo per 76 addetti mentre a un lavoratore a tempo determinato non verrà rinnovato il contratto. Una misura che segue a brevissima distanza la vertenza di appena un anno fa che ha portato a 28 uscite: misure che andavano incontro alle richieste dell’azienda di una riorganizzazione che aveva l’obiettivo di introdurre una maggiore flessibilità oltre a ridurre i costi e abbassare in modo significativo il prezzo per tonnellata di prodotto.

«Nella primavera 2018 siamo intervenuti negoziando incentivi e prepensionamenti per ridurre i costi e pensavamo di avere già dato tutto il possibile» è la premessa di Pietro Pellegrini, segretario nazionale Uila. «La decisione di Unilever di attivare la mobilità per 76 lavoratori dello stabilimento veronese di Sanguinetto per andare a produrre in Portogallo ci amareggia, perché ancora una volta perdiamo non solo occupazione, ma anche professionalità - continua il segretario nazionale Uila -. La scelta di delocalizzare la divisione food, e in particolare la produzione del dado dove il costo del lavoro è più basso è l’ennesimo caso di scelte prese lontano dai contesti territoriali, che incidono negativamente sul nostro saper fare le produzioni».

“La scelta di delocalizzare la divisione food è l’ennesimo caso di scelte prese lontano dai contesti territoriali, che incidono negativamente sul nostro saper fare le produzioni”  Pietro Pellegrini, segretario nazionale Uila.

Da parte sua la multinazionale, attraverso Gianfranco Chimirri, direttore comunicazione di Unilever Italia, precisa che «le misure di razionalizzazione produttiva intraprese derivano dalle rilevanti difficoltà riscontrate a livello europeo e italiano nel settore dei dadi da brodo tradizionali, che hanno portato ad una diminuzione del fatturato di più del 10% in due anni, e dall’esigenza di rispondere alle mutate esigenze del mercato». Da qui la decisione di consolidare le produzioni in siti strategici o legati ai mercati locali, passi che servono a garantire la sostenibilità futura del polo veronese.

Di fatto nello stabilimento di Sanguinetto si dimezzerà il numero degli addetti. «I sacrifici fatti lo scorso anno non sono serviti a nulla - aggiunge Michal Del Pin della segreteria Uila Verona Trento - e ci sembra di essere di fronte a un piano preordinato che porti alla cessazione di ogni attività in questo sito dove non si investe da cinque anni mentre a seguito del passato periodo di mobilità erano state smantellate due linee per il brodo gel, produzione che a livello mondiale condividiamo con un altro impianto in Messico».

“Le misure di razionalizzazione produttiva derivano dalle difficoltà riscontrate a livello europeo e italiano nel settore dei dadi da brodo tradizionali, che hanno portato ad una diminuzione del fatturato di più del 10% in due anni”  Gianfranco Chimirri, direttore comunicazione di Unilever Italia.

Da parte sua Chimirri aggiunge: «La strategia di Unilever per lo stabilimento nel lungo termine prevede una ulteriore diversificazione del portafoglio verso prodotti food più in linea con i trend di mercato e verso un legame sempre più stretto con il mercato italiano». Attualmente lo stabilimento veronese produce, oltre a dadi dry, quello granulare, il dado gel e la linea di prodotti “risotteria”. Da parte sua Del Pin punta a ridurre il numero degli esuberi oltre alla creazione di opportunità con le aziende della zona attraverso percorsi formativi. «Puntiamo a un importante incentivo e vogliamo cercare di capire se è possibile accedere alla Isopensione, accompagnamento che può arrivare fino a 7 anni».

 


 

FONTE: https://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2019-06-01/il-dado-knorr-abbandona-l-italia-unilever-punta-portogallo-094552.shtml?uuid=ACJEjuK

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
©2019 RipetizioniCorsi.it All Rights Reserved. ALESSIO LEONCAVALLO: VIA DELLE MURETTA 34, 00040 ROCCA DI PAPA (RM) P.IVA 13624251008

Search