https://www.viagrageneriquefr24.com/acheter-du-viagra-sur-un-site-francais/

Politica & Economia

Contrattazione di prossimità

La contrattazione di prossimità è un istituto volto a raggiungere intese che regolino l’organizzazione del lavoro e della produzione espressamente riconosciuto dall’art. 8 del decreto legge n. 138/11, convertito in legge n. 148/11. Si parla, dunque, di uno strumento di decentramento contrattuale avente gli obiettivi di stabilire un aumento delle retribuzioni, facilitare la competitività tra imprese e combattere il fantasma della disoccupazione, che dal 2008 descrive un effetto importante della recessione che ha attanaglia il nostro Paese.

La contrattazione territoriale, o di prossimità, e la suindicata recessione economica rappresentano due aspetti fortemente legati tra loro, infatti, se venisse limitato il potere di intervento della contrattazione individuale, si avrebbe l’effetto di ridurre in maniera sproporzionata la platea dei lavoratori capaci di esprimere un potere negoziale attivo ed idoneo ai fini della propria tutela. Inoltre, la legge si occuperebbe di disciplinare aspetti oggi demandati al contratto collettivo aziendale, con l’effetto di favorire una logica monopolistica di “Stato padrone” a scapito della tutela per il lavoratore.

Un chiaro esempio ci è fornito dall’Accordo “Trelleborg”, in conseguenza del quale la società è stata sospesa dalla Confindustria per aver concluso n’intesa volta a regolare il rapporto di lavoro di centinaia di lavoratori in modo difforme da quanto disciplinato dalla legge. Emerge, infatti come un siffatto atteggiamento dell’associazione di rappresentanza delle imprese risulti in aperta discordanza, sia con il principio di decentramento contrattuale in essere nel momento in cui è stata basata la disciplina di cui all’art. 8 del decreto legge n. 138/11 (convertito in legge n. 148/11), sia con le numerose pronunce della Suprema Corte.

Se, infatti, la ratio dell’istituto in discorso è quello di apprestare tutela a tutti gli interessi in gioco, allora l’art. 8 della legge n. 148/2011 rappresenta lo strumento che maggiormente deve essere oggetto di salvaguardia e di potenziamento, seppure oggi lo stesso sia ancora ostacolato da un eccessivo centralismo delle parti sociali in merito al livello di contrattazione.

Accanto all’azione del legislatore, dunque, non deve mancare l’intervento delle parti sociali, teso a spostare l’attenzione dell’azione sindacale dalla contrattazione salariale su base nazionale a quella della contrattazione salariale a livello d’impresa, percorrendo la strada già avviata dalla riforma degli assetti contrattuali prevista dall’Accordo Interconfederale del 28 giugno 2011. Ciò è di particolare importanza se si considerano le ultime modifiche introdotte in materia di licenziamenti per i nuovi assunti con il D. Lgs. 23/2015, in merito alle quali il  Legislatore sembrerebbe non aver ponderato sufficientemente i possibili effetti che, una distinzione tra vecchi e nuovi assunti avrebbe potuto determinare. Proprio al fine di ovviare a tali conseguenze si è giunti all’accordo Novartis e al succitato accordo Trelleborg, e non si esclude che possa diventare prassi diffusa nella cultura degli addetti al personale delle imprese, la stipulazione di clausole e accordi, in sede individuale e anche collettiva, che garantiscono in via negoziale la permanenza di condizioni di maggior tutela.

 

Per approfondire l’argomento:

http://www.studiojobconsulting.it/contenuti/approfondimenti/205-contratto-di-prossimita-e-retribuzione-contrattuale

http://www.filctemcgil.it/index.php?option=com_flexicontent&view=items&cid=106&id=5356

 

Marzia

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
©2019 RipetizioniCorsi.it All Rights Reserved. ALESSIO LEONCAVALLO: VIA DELLE MURETTA 34, 00040 ROCCA DI PAPA (RM) P.IVA 13624251008

Search