Scuola & Universita'

Studenti italiani inventano una «lavatrice spaziale» e trionfano ai mondiali di robotica a Houston

La First Lego League richiama negli Stati Uniti ogni anno studenti da tutto il mondo. Per la prima volta una squadra italiana ha trionfato: «L’idea della lavatrice spaziale? Dai video di AstroSamantha»

Le mosse, fluide, coordinate, richiamano «2001: Odissea nello spazio». Moduli di astronavi che si connettono, comunicano, eseguono compiti, in perfetta autonomia. E poco importa se lo “spazio” somiglia a un tavolo da biliardo e le navicelle sono di mattoncini Lego. I tempi devono essere rispettati, i movimenti eseguiti al millimetro. E i robot devono essere tutti programmati: non ci sono telecomandi. È solo una delle sfide della First Lego League, competizione nata nel 1999 e che richiama negli Stati Uniti ogni anno, per la finale, studenti da tutto il mondo.

Per la prima volta una squadra italiana — otto tra ragazze e ragazzi veronesi — ha trionfato. In tutte le categorie: progetto scientifico, innovazione, programmazione, presentazione e lavoro di squadra. I loro robot hanno recuperato le meteoriti di Lego a tempo record, con la massima eleganza e precisione. Il tema del 2019 era l’esplorazione spaziale: la finale si è svolta a Houston, città legata a doppio filo alla Nasa (tra gli sponsor).

Ma è stata «l’idea innovativa» del team a stupire la giuria: una lavatrice spaziale. Gli studenti della classe quarta del liceo Don Bosco (sezione scientifico-tecnologica) si sono chiesti: come si lava un vestito nello spazio? «Abbiamo cercato di capire — raccontano i ragazzi — quali fossero i piccoli problemi con cui hanno a che fare ogni giorno gli astronauti. Ne abbiamo selezionati dieci». Poi, la svolta: «Quello che ci ha colpito di più — rivelano — l’ha raccontato in un video Samantha Cristoforetti. Nel suo “diario” dalla Stazione spaziale internazionale ha spiegato come ogni giorno dovesse fare degli esercizi per mantenersi in forma. Sudando, naturalmente. E indossando la stessa tuta per settimane, se non mesi».

In assenza di gravità usare l’acqua è impensabile. Di qui la proposta: «scomporre» un tessuto, passare un filo attraverso un composto, non liquido, che rimuova lo sporco e poi intrecciare nuovamente la fibra nella forma originale. Macchinoso? Forse, ma può valere la pena a migliaia di chilometri dalla Terra e si hanno pochi asciugamani.

In Texas, la squadra di giovani ingegneri ha presentato il prototipo. Il team, che ha scelto come nome «iDB Tech-No-Logic», seguito dal professore di informatica Luca Zanetti, lavora a questa competizione da tre anni. Cinque ragazzi (Alessio Montignani, Filippo Oliosi, Paolo Venturini, Pietro Formenti e Pietro Fornalè) e tre ragazze (Beatrice Ligozzi, Camilla Salvagno, Maddalena Zuccato): tra di loro c’è chi è appassionato di musica (Maddalena canta e suona la chitarra, Camilla il pianoforte, Filippo studia tromba al conservatorio) e chi vive per l’informatica e la robotica (Pietro Formenti ha svolto addirittura un periodo di alternanza scuola-lavoro al Cern di Ginevra, mentre Pietro Fornalè ha l’hobby della programmazione).

Una squadra di eclettici: c’è chi sa fare disegno tecnico al computer (Paolo), chi cura il video-editing e chi si descrive come la creativa del gruppo (Beatrice). E pensare che, quando hanno conquistato per la prima volta la finale (l’anno scorso, a Detroit, il tema era l’idrodinamica) non avevano nemmeno le risorse per il volo transoceanico: li hanno aiutati una serie di imprese locali, che si sono offerte come sponsor.
Ora il salto di qualità: «L’emozione è stata grande — racconta il professor Zanetti — i ragazzi sapevano di avere un progetto solido, ma non si aspettavano di sbaragliare tutti». Come «premio», una gita a New York, prima di rientrare in Europa.

 


 

FONTE: https://www.corriere.it/cronache/19_aprile_24/i-genietti-mondiali-robotica-c15e0306-66c6-11e9-b785-26fa269d7173.shtml?fbclid=IwAR2_RrWyfFEAuGz1vL2RWeDI7cKyRfs_iZXGs_nddXpflQpgFRxKkPX1jLw

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
©2019 RipetizioniCorsi.it All Rights Reserved. ALESSIO LEONCAVALLO: VIA DELLE MURETTA 34, 00040 ROCCA DI PAPA (RM) P.IVA 13624251008

Search