Storia

Storici avversari dell'impero romano: i Marcomanni

La storia dell’antica Roma è ricca di nemici storici: Sabini, Cartaginesi, Galli, Macedoni, Parti, Goti, ecc. Ma mai nessun popolo di questi appena menzionati, causò problemi e cataclismi quanto le popolazioni germaniche aldilà dei fiumi Reno e Danubio.


La loro celebre fama è dovuta soprattutto al massacro della foresta di Teutoburgo, celebre disfatta romana in cui, sotto al comando di Quintilio Varo, persero la vita ben 3 legioni romane (15.000 soldati) che caddero sotto le frecce e le asce della coalizione germanica capeggiata da Arminio. Quest’ultimo era stato da giovane addestrato dagli stessi romani, quindi, fingendosi un amico di Varo, lo attirò in questa trappola mortale. 

Da allora i romani non si spinsero mai oltre i rispettivi “limes” (cioè confini) del Reno e Danubio. La ferita che si era formata a Teutoburgo non si rimarginò mai completamente, nonostante vari comandanti, come Germanico e appunto Marco Aurelio, riuscirono a condurre con successo campagne punitive contro le popolazioni barbariche. 

Proprio sotto l’impero di Marco Aurelio, si registrò un numero di invasioni oltre il Danubio mai registrato sino a quel momento. Gli invasori erano le tribù dei Marcomanni provenienti dalla regione germanica dell’omonimo nome. Dal 167 fino al 179 d.C., i Marcomanni diedero molto da fare all'imperatore Marco Aurelio e le legioni II e III italica stanziate in Rezia e Norico furono di conseguenza impegnate per un bel po’ di tempo. Questo popolo riuscì a formare una forte coalizione politico-militare composta da altre popolazioni germaniche: Quadi, Naristi, Longobardi, Sarmati, ecc. per un totale di ben 11 tribù. Guidati dal loro re Marcomanno, Ballomar, invasero e saccheggiarono con successo la città romana di Aquileia nel nord-est di Italia. 

Nonostante il loro numero e la loro ferocia, dopo una decisiva vittoria in Marcomannia nel 179 d.C, furono respinti e sconfitti dall’imperatore Marco Aurelio. Le famose “guerre marcomanniche” furono un periodo storico che rappresentò il preludio delle successive invasioni barbariche che avrebbero contraddistinto il III-IV-V secolo dell’impero. 

Le vittorie ottenute da Marco Aurelio contro i Marcomanni, gli valsero il titolo di “Germanicus Maximus”. Tutt’oggi, le sue storiche vittorie sono rappresentate sulla colonna di Marco Aurelio, che è situata davanti Palazzo Chigi in Roma.

 

 

Romain Iovinelli

 

 

Fonte: https://www.facebook.com/TheMarcoAurelioProject/ 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
©2019 RipetizioniCorsi.it All Rights Reserved. ALESSIO LEONCAVALLO: VIA DELLE MURETTA 34, 00040 ROCCA DI PAPA (RM) P.IVA 13624251008

Search